La ballata del CORAGGIO

LA BALLATA DEL CORAGGIO  

(La favola di Celestino)

Con Roberto Mascioletti

Regia musiche e drammaturgia di Eugenio Incarnati

Pupazzi e burattini di  Marcello Salvatore e Roberta Bucci

teatro l’aquila celestino v

“Con il pretesto di riferire un fatto stravagante ed assurdo (benché vero), cioè il trafugamento ripetuto e perpetrato nei secoli delle spoglie di Papa Celestino V, si racconta una favola per tutti.

Celestino, si sa, da vivo non amava la vita comoda…  Il fatto strano è che non ha mai riposato troppo nemmeno da morto: fu seppellito, po riesumato,spostato, portato e riportato di qua e di là…

Che sia lui che di tanto in tanto vuole alzarsi e andare in giro perché ha ancora qualcosa da fare?

E’ una storia che, aquilana ed abruzzese quanto poche altre, assurge ad una dimensione epica che travalica ogni confine, anche quello tra la vita e la morte.

 Immagine4

Recensione di Giulia Rossi:

Un inizio inaspettato: qualche raccomandazione, la raccolta di qualche pezzetto di carta, preferibilmente colorata, uno squillo di tromba e lo spettacolo comincia.

Un vecchio motivetto del TG apre la finestra su una storia antica, importante, misteriosa che ha innalzato la città dell’Aquila alla gloria pontificale: l’incoronazione di papa Celestino V presso la Basilica di Collemaggio, il 29 agosto 1294.

La storia del papa “aquilano” è rivissuta tra realtà e finzione, in un funambolico intreccio di registri linguistici, tecniche espressive e artifici teatrali.

In un mondo di giocolieri e saltimbanchi, tra tono epico e sensibilità popolare, prende corpo una riflessione filosofica che contrappone due differenti interpretazioni di uno stesso evento: l’abdicazione di papa Celestino V. Dante lo accusa di ignavia e lo condanna alle pene descritte nel III Canto dell’Inferno; Francesco Petrarca invece lo considera “uno spirito altissimo e libero”, che non conosce imposizioni e che non tollera compromessi.

L’umana pietà per un peccato tanto comune agli uomini sposta i termini del discorso su un altro aspetto della storia. Dopo l’abdicazione Celestino morì, prigioniero, nella rocca di Fumone in Ciociaria; nel 1313 fu canonizzato e nel 1317 le sue spoglie furono traslate a L’Aquila, nella basilica di Santa Maria di Collemaggio. Nel 1988 la sua salma è stata trafugata.

Da chi? Perché? La ricerca della verità è un bisogno tanto forte e radicato nell’uomo esige soddisfazione.

Tutti cercano; le potenze costituite, come marionette di un potere occulto, si mettono all’opera ma si arrestano davanti ad un mistero che sembra irrisolvibile.

“Chi ha rubato la salma di Celestino? Non lo so”, questa è la risposta ultima che non può soddisfare il senso identitario di un popolo. Di contro all’inesorabilità dei risultati, all’atteggiamento arrendevole, remissivo, condiscendente del sistema, la devozione popolare tenta un’altra strada, chiama al rapporto le potenze del cielo e, all’improvviso, il mistero è sospeso: la salma torna nella sua urna.

La storia di Celestino diventa metafora di una condizione esistenziale: non indolenza ma rifiuto del compromesso, scelta consapevole di una dimensione contemplativa e spirituale aliena dai fasti e dalle strategie del potere; non rassegnazione, adeguamento incondizionato ad una volontà superiore, ma ricerca costante della verità spesso celata, confusa, distorta.

Il CORAGGIO di riappropriarsi del proprio essere, della propria dimensione personale e spirituale, della propria identità presuppone una cultura condivisa, un comune modo di sentire, una partecipazione responsabile e risoluta alla propria storia e alla storia umana. Coraggio individuale e collettivo per contrastare lobby e poteri occulti, per riconquistare una dignità offesa e per affermare un orgoglio popolare.

In questa storia surreale l’elemento “sorpresa” gioca un ruolo importante. L’unico, poliedrico interprete entra in scena rompendo la quarta parete: parla con il pubblico, lo incita alla partecipazione, anima le marionette, assume di volta in volta ruoli differenti.

Con semplicità e consequenzialità sembra estrarre dal cilindro del mago ogni sorta di artificio tecnico ed espressivo atto a sostenere la scena e a stimolare progressivamente una sensibilità che muove al riso e al pianto, contemporaneamente.

<iframe width=”640″ height=”360″ src=”//www.youtube.com/embed/yqEJI1paan8?feature=player_detailpage” frameborder=”0″ allowfullscreen></iframe>

L’universalità della riflessione è caratterizzata dall’accostamento di piani e registri differenti: tra spazi umani e soprannaturali, storia e leggenda, realtà e fantasia, individualità e coralità si dipana il filo conduttore di questo racconto, espresso ora con un linguaggio aulico ed importante, ora in dialetto, affidato ad una recitazione dai differenti timbri vocali e ad una gestualità che assume un forte potere evocativo; il tutto in un ritmo a volte incalzante e a volte disteso, in un gioco di luci e di ombre: è TEATRO.

Giulia Rossi

clip: http://www.youtube.com/watch?v=yqEJI1paan8

Recent Posts

Da domenica 15 a domenica 22 dicembre: otto giorni di teatro a piazza d’Arti

L’AQUILA – Non è un fenomeno abituale, dalle nostre parti; non siamo a Bologna, né a Torino, né a Berlino, né a Londra, eppure c’è un luogo in cui, da qualche tempo, si riesce a tenere viva, con una proposta quotidiana, quell’arte che dà la misura della civiltà di un popolo: il teatro.

La responsabilità ricade tutta sulla compagnia “Teatrabile”, che celebra il suo primo trentennio di vita (dal 1990) con molte iniziative, tutte realizzate nella “Casa del teatro” di Piazza d’Arti.

 

Chi entra alla “Casa del teatro” nota subito un luogo realizzato senza sprechi, ma con molti accorgimenti utili ad accogliere amichevolmente tutti coloro che vogliono avvicinarsi all’arte dal vivo. E’ un “Teatro studio”, un luogo in cui si può star bene, ridere, divertirsi senza spegnere il cervello, uno spazio “umanistico” reso ancor più prezioso dalla povertà e innegabile trascuratezza delle aree urbane che la circondano (eppure via Ficara è zona di scuole, è prossima all’ospedale regionale…).

“La nostra idea è di un Teatro per tutti, senza barriere, adatto ai piccoli e stimolante per i grandi, sempre divertente, vivo, vitale e con proposte di alto livello”.

La “casa del teatro” entra, nell’imminenza del Natale, nella programmazione più intensa, con “otto giorni di fila”, senza sosta.

Si parte con “Il nome dell’Aquila”, (domenica 15 dicembre alle 18.30). Dopo diverse compagnie “ospiti”, tocca, ai padroni di casa: “Il nome dell’Aquila” è uno degli spettacoli di cui la compagnia Teatrabile va più fiera, una messa in scena che raccoglie il consenso di tutti, grandi e piccoli, pur affrontando il difficile tema storico della fondazione della città. Con uno stile a tratti pedagogico ed a tratti giullaresco, Teatrabile trasforma i personaggi della storia, in “persone” più vicine a noi di quanto siamo abituati a pensare. Ne viene fuori un “inno per una città” che, nel corso dei secoli, ne ha viste tante e perciò… non deve spaventarsi di niente. In scena troviamo Roberta Bucci, Alessandra TarquiniMariarita Pace e Michele Di Conzo. Regia, canzoni e musiche  originali di Eugenio Incarnati.

Nei sei giorni seguenti, dal 16 al 22 dicembre, “la casa del teatro” diventa “La casa delle scuole” con recite specifiche per gli studenti.

Centinaia di alunni di tutte le età affolleranno il teatro e piazza d’Arti: da lunedì a mercoledì ci saranno i “poetici” piccoli alunni delle scuole dell’infanzia di Roio (Ist. Rodari) e “Mariele Ventre” (Ist. Amiternum), che renderanno i loro occhi ancor più grandi per meglio lasciarsi affascinare dal capolavoro di Alberto Zoina “Il Principe di Panpepato” (uno spettacolo studiato proprio per loro, realizzato da un grande maestro, una scrittura poetica e sognante in una performance piena di colori, ombre e prelibatissime suggestioni musicali)mercoledì pomeriggio il teatro sarà animato dal “Laboratorio Shakespeare” (progetto “Dieci per la scena”, un progetto innovativo di teatro multilingue) a cui partecipano  quaranta  fra studentesse e studenti del Liceo Linguistico “Cotugno”; da giovedì a sabato, tornerà “Il nome dell’Aquila” con repliche speciali di mattina per gli studenti delle scuole Mazzini, Patini e  Dante Alighieri.
Il tutto sarà condito anche da altre attività, destinate agli adulti, fra cui Il laboratorio “Per la scena” del mercoledì sera e la “Lezione di teatro sensoriale” del regista Mario Fracassi (venerdì 20).

 

Dopo Natale, la rassegna andrà avanti con presentazioni discografiche, incontri con i registi e soprattutto spettacoli di pregio e rilievo, (in arrivo anche  Francesca Camilla D’Amico con il suo “Paolo dei Lupi”, “1861 Storie di Briganti”(4 gennaio). e Paolo Capodacqua   con la sua nuova opera (9 gennaio). Altri appuntamenti di una  programmazione ricchissima da tener d’occhio su www.teatrabile.it.