Il nome dell’AQUILA

 “Quante parole si possono dire su una goccia d’acqua, un rapace, un re ed il suo stemma, su   tanti castelli ed un numero magico che non è “cento”, ma…. quasi?

E noi, quante ne vogliamo dire?

Non tante… Quelle che servono per tornare ad essere contenti di passeggiare per le strade ed i vicoli, camminare con le nostre piccole storie al fianco della Storia.

“Il nome dell’Aquila” é una produzione teatrale originale, costruita intorno alla storia della fondazione della città. Prende spunto dalle trecentesche cronache di Buccio da Ranallo per inventare una canzone, una storia e una messa in scena che, originale e divertente, attenta alla sensibilità dei ragazzi a cui è principalmente destinata, non si prende libertà nei confronti dei documenti originali, semmai “gioca” con essi, risultando così pienamente godibile per qualsiasi pubblico.

L’Aquila sin dalla sua nascita è “città territorio” fatta dalle persone per essere liberi ed uniti, una città di tutti gli abitanti dalle montagne al fiume, dalla collina ai boschi.

Con uno stile a tratti pedagogico ed a tratti giullaresco,  Teatrabile trasforma i personaggi della storia, in “persone” più vicine a noi di quanto siamo abituati a pensare.Ne viene fuori un “inno per  una città” che, nel corso dei secoli, ne ha viste tante e perciò… non deve spaventarsi di niente.

In scena troviamo la consolidata coppia composta da Roberta Bucci  e Alessandra Tarquini. La regia, la drammaturgia e le musiche  originali sono di Eugenio Incarnati.