Storia di BARBABLU’

Storia di Barbablù

Con Roberto Mascioletti, Alessandra Tarquini, Marcello Salvatore, collaborazione artistica di Roberta Bucci;

Regia, musiche e drammaturgia di Eugenio Incarnati

Gli attori sono in riga, con lo sguardo nel vuoto. Strumenti musicali suonano melodie improbabili. Presto la vicenda, fiabesca ed onirica, si svilupperà attraverso capovolgimenti continui. Si parte da una serrata narrazione accompagnata da suoni, rumori e versi. “Riuscirà la giovane e avventata moglie a sfuggire alla lama dello spaventoso marito?”.

IMG_1209


 

E’ uno spettacolo in cui i bambini ridono e gli adulti, quasi quasi, si spaventano. Una logica a-logica sospinge lo spettacolo: ogni possibile linguaggio è messo in discussione, tutto è finto, tutto è visibile, svelato… e tutto è improbabile. Tutto, d’altro canto, è veloce, quel tanto che serve a frustrare i sensi e ad abbandonarsi al flusso del racconto. Nella povertà dell’allestimento, nel grottesco, nell’onirico e nel ridicolo si ritrova, alla fine, il senso del linguaggio del teatro.

Durata: 50 minuti. Spettacolo per tutti. Informazioni e contatti: teatrabile@yahoo.it Cell 329 6777332

foto di andrea mandruzzato

Altre notizie di approfondimento:

Lo spettacolo ha festeggiato 1l 27 dicembre 2012  la replica numero 100  (siamo adesso a quota 130 e la storia va avanti).Nato come esperimento di teatro-laboratorio, “Storia di Barbablù” ha  una drammaturgia originale che, partendo dalla struttura della fiaba trascritta da Perrault, recupera elementi tratti dalle storie della tradizione popolare abruzzese.

“Solido” e longevo, apprezzato anche nelle repliche all’estero (in Olanda e Germania),  per Teatrabile è uno spettacolo di “resistenza”  a tutte le intemperie che, come è noto, attanagliano (anche) il mondo del teatro e della produzione culturale; uno spettacolo che è anche uno “strumento” che ha permesso, negli anni, il consolidarsi di un gruppo artistico motivato e competente.

Particolarmente adatto ai ragazzi  ( anche ai più piccoli) è, con i suoi molti livelli di lettura, sempre apprezzato  da tutti. Gli adulti, di solito, restano affascinati da una visione vitale, giocosa, “totale”, un po’ femminista,  un  po’ Brechtiana e parecchio Rodariana dell’arte e del teatro.

Uno spettacolo in cui “tutti i bambini ridono e i grandi quasi quasi si spaventano”.

 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

 

 

Recent Posts

presentazione “PIazze d’Arti- diamoci da fare” (8-9-2016)

Si parte con “PIAZZE d’ARTI – Diamoci da fare!”

(Clicca sui nomi per vedere le video-interviste registrate da Andrea Mandruzzato)

logo-piazze-dartiE stato presentato, alla presenza delle due Assessore del Comune dell’Aquila Betti Leone (Cultura) ed Emanuela Di Giovambattista (Politiche sociali) il progetto “Piazze d’Arti -Diamoci da fare”, promosso dall’Associazione Teatrabile. conferenza-stampa-8-9-2016Alla conferenza, a rimarcare le caratteristiche dell’iniziativa, che coniuga teatro e intervento sociale, hanno partecipato anche Antonio Massena (direttore – fra il resto – della più importante manifestazione culturale aquilana “I cantieri dell’Immaginario”) e Concetta Trecco (Direttore del CsvAQ – Centro servizio volontariato)conferenza-stampa-8-9-2016

Ad aprire l’incontro è stato Eugenio Incarnati, direttore del progetto che ha introdotto gli interventi, fra gli altri, di Lucia Signorelli (del Centro Sviluppo Genitorialità CsG Onlus) e di Rosanna Pichelli e Tiziana Mattei (dell’attivissimo gruppo “EduKarte”, sorto nel 2014 all’interno di Teatrabile)

“Piazze d’ARTI –diamoci da fare” grazie a metodologie particolarmente avanzate, ha riscosso il sostegno del Ministero del lavoro e delle politiche sociali: ci si rivolge, prima di tutto, a tutti i giovani (anche al mondo ella disabilità e dello svantagggio sociale) con laboratori di pratica teatrale ed artistica ; parallelamente ci si dedica anche ai loro familiari con incontri sulla “genitorialità responsabile”, aperti a tutti gli adulti. Tali incontri saranno paralleli e contemporanei a quelli dei ragazzi, anche al fine di conciliare tempi di vita e tempi di lavoro.

strisciaDal progetto, nascerà un calendario di appuntamenti che, regolarmente, già a partire dal prossimo ottobre e fino al giugno del prossimo anno, darà vita a incontri, convegni, prove aperte, spettacoli e performance in aree importanti della città.

I responsabili di Teatrabile saranno a disposizione per incontri informativi e raccolta delle adesioni ogni lunedì fino al 10 ottobre, dalle 17.00 alle 19.30 a Piazza d’Arti, presso la sede “Ricostruire insieme”. Per Informazioni: – 329 6777332.

scarica la “cartella conferenza stampa